Che ci fanno i calciatori in discoteca?

calciatore_discotecaCi risiamo. Tempo di vacanze, ritiri preparatori, partitelle a basso tasso agonistico e calciatori paparazzati a tirare tardi in discoteca.

Oddio, in estate, addirittura in vacanza, ci sta tutta, ma ciclicamente durante l’anno questo o quel campione viene sorpreso a tirar tardi in un locale cittadino, con multa della società e polemiche dei tifosi. In ogni caso, il binomio calciatore discoteca è uno dei più solidi nella società italiana.

Io però è da un po’ che mi domando: che cavolo ci fanno i giocatori in discoteca?

Scusate, intanto sono atleti e non dovrebbero bere granchè. Con questo presupposto stare in mezzo a gente ubriaca con musica sparata a 2000 decibel non deve essere quel gran divertimento.

In secondo luogo, sono gli unici che per trovare una donna, possono cercarla anche al gabinetto del supermercato. Che cavolo gli serve tirare tardi e fare la chiusura del locale? Ora, capisco il comune mortale, che barcollante dopo l’ottavo mojito tenta di alitare due parole alla guardarobiera che lo sbatte fuori a calci, o prova l’ultimo disperato approccio alla fila dei taxi. Ma il calciatore? Non può semplicemente sorseggiare un Crystal, scegliere la fortunata di turno, lasciare giù qualche migliaio di euro per il privè, farsi fare le due foto di rito e levarsi dalle scatole col macchinone per l’una e mezza? Tenendosi il tempo di “gioco effettivo” in albergo e magari presentarsi così anche all’allenamento successivo decentemente riposato?

Siccome il fatto che i calciatori siano sempre gli ultimi ad andare a letto è diventata una cosa normale, ma io la trovo ben poco normale, mi domando se viviamo allora in un mondo normale. A meno che le ragioni per tirar tardi e a volte rovinarsi una carriera non siano altre: alcolismo, cocaina, compagnie discutibili. Da questo mondo a quello coinvolto in certe indagini (già divenute troppo blande) il passo è breve. E considerando i quattrini che guadagnano: sì non è un mondo normale.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.