Vieni avanti Marino

vieni-avanti-cretino Veramente Renzi e la mitica Boschi hanno detto: vai avanti Marino, fino a che te la senti, ma il senso era quello esposto nel titolo. A Roma la corruzione è arrivata a tutti i livelli e ovunque, ricordiamo l’ultima indagine che riguarda la Rai e anche funzionari di Palazzo Chigi, cioè la sede del premier, se la magistratura decidesse di andare a fondo, avremmo un esodo di massa verso le patrie galere. Marino sarà pure onesto, ma nuotare nella m. non è facile, soprattutto se il tuo partito, il Pd, è scomparso, un po’ in galera, un po’ dimissionario, un po’ espulso, 27 sezioni da chiudere, un po’…Orfini. Marino se la sente da sempre, non avendo uno spiccato senso della realtà, si crede capace di ogni impresa, ma più che passeggiare per la sua stanza non può fare, anche perché possiede a malapena il suo voto, non è un ras come De Luca, è semplicemente l’invenzione di un altro cacicco, Bettini, re del partito romano, vita da gran signore e villa in Thainlandia. Bettini del romano ha la parlata, la faccia e la panza, Marino, che romano non è, sembra un Savonarola in sedicesimo, a Roma non se lo fila nessuno, ora che Bettini e Zingaretti hanno le loro gatte da pelare. Cosi Renzi e la Boschi lo hanno mollato e a sostenerlo è rimasto il nulla, un tal Orfini, una volta giovane turco, guarda cosa deve sopportare Ataturk, ora tappetino renziano, in cambio della presidenza Pd, cioè del nulla. Dubitiamo che Marino e Orfini possano andare o venire avanti, però potrebbero andare a casa e sarebbe un buon modo per mettere fine allo strazio di Roma.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.