“Tutto ti sta dicendo” No, non va bene “, e poi guardi l’S & P 500 – continua a salire”

Ci sono molti trader confusi là fuori.

Questa è la conclusione dalla lettura di alcune delle citazioni del trader nell’articolo di Bloomberg su come ” Le cose che un tempo contavano per gli investitori azionari non andassero più ” e che, come suggerisce il titolo, spiegano che “né i guadagni in aumento, né la crescita economica, né gli affari contano “nel rally che ha spazzato i mercati da marzo.

Troviamo tutto ciò sorprendente, perché mentre Bloomberg ha ragione e né i guadagni, né l’economia, né la valutazione sono importanti, ciò che conta è ciò che Bill Dudley ha finalmente ammesso oggi, vale a dire che la Fed sta ” fondamentalmente creando un po ‘di rischio morale ” e poiché il rischio morale è una condizione binaria – o è lì o non lo è – quello che è successo è che, come ha detto Scott Minerd, la Fed “ha inviato al mondo un segnale di acquisto “ e il mondo ha risposto come richiesto.

Ma non crederci sulla parola: guarda cosa stanno facendo le aziende stesse. Dopo aver drasticamente ridotto i riacquisti e le acquisizioni a soli $ 12 miliardi il mese scorso, il secondo livello più basso dell’ultimo decennio, secondo TrimTabs, le società hanno scatenato una flessione record di vendite di titoli, portando il totale a $ 94 miliardi.

A corto di liquidità, alcuni direbbero insolventi,  dalle compagnie aeree, alle compagnie di crociera si affrettarono a trarre vantaggio dall’euforia e vendere azioni per consolidare i loro bilanci. Le aziende tra cui Warner Music Group e ZoomInfo Technologies hanno lanciato IPO, cercando di raccogliere fondi e trarre vantaggio da un multiplo del mercato che è stato esteso a livelli record. Di conseguenza, le vendite di azioni a maggio hanno più che triplicato la media dei 12 mesi, secondo TrimTabs.

Tuttavia, questo segno più chiaro di un massimo – dopo tutto chi conosce le proprie prospettive azionarie meglio delle società stesse e stanno scaricando per vendere – è stato completamente ignorato, poiché i daytrader al dettaglio e i fondi sistematici hanno continuato a inseguire lo slancio in un mercato in cui, secondo Calcoli di Bloomberg, $ 9 trilioni sono stati aggiunti ai valori azionari in 10 settimane, con il Nasdaq 100 che è salito del 38% dal suo minimo di marzo e ha eclissato brevemente il massimo storico di mercoledì.

Eppure, mentre tutto ha senso se si accetta che conta solo la Fed, alcuni trader cercano ancora filoni di logica e ragione in un mercato che si è disconnesso con i dati sottostanti un decennio fa:

” Tutte queste cose ti dicono che non va tutto bene, e poi guardi l’S & P 500: continua a salire ” , ha dichiarato Jerry Braakman, Chief Investment Officer del First American Trust a Santa Ana, in California. ” cura delle valutazioni. Con la Fed che continua a intervenire, la scommessa giusta è stata quella di scommettere con la Fed. Le tendenze sono i tuoi amici in questo momento, continua ad andare più in alto ed è quasi un po ‘come, metti la testa nella sabbia. “

Sì Jerry, esatto, basta infilare la testa nella sabbia e comprare: la Fed ha le spalle, quindi cosa può andare storto?

Bene, per esempio, l’euforia alla fine si prosciuga e le aziende potrebbero non essere più in grado di “distribuire” le loro azioni a inseguitori di momentum creduloni.

“Il volume sbalorditivo di nuove offerte dovrebbe essere fonte di preoccupazione per i partecipanti al mercato”, ha affermato Winston Chua, analista di TrimTabs. “Maggiore è il numero di azioni sul mercato, più difficile sarà per le azioni esistenti spostarsi più in alto, a parità di condizioni”.

Il rischio, come abbiamo esposto due settimane fa in “Le aziende definiscono il mercato con la maggior parte delle vendite di azioni in otto anni “, è che prima o poi gli investitori invertiranno la loro posizione per unirsi alle società in azioni di scarico, come Goldman ha recentemente avvertito quando ha affermato che con i riacquisti dei franchi, il mercato è vulnerabile agli shock, a differenza degli anni passati in cui le aziende hanno contribuito a mantenere le perdite di capitale derivante dalle palle di neve lanciando enormi riacquisti nei punti di flesso. Vale a dire, il minimo del mercato a febbraio 2018 è arrivato in una settimana in cui il desk di trading aziendale di Goldman Sachs ha visto gli ordini di riacquisto più attivi di sempre.

E mentre una cima è certa, la domanda è quando.

Per ora, è esattamente l’opposto poiché gli investitori sembrano aver esaurito i megacap “sicuri” e stanno inseguendo un’esposizione sempre più rischiosa, facendo scattare banche e small cap, le aziende hanno visto beneficiare maggiormente di un rimbalzo economico (quanto ironico, considerando che un rimbalzo economico è il peggior risultato possibile per i trader in quanto significherebbe la fine del massiccio stimolo della Fed). Nessuna sorpresa che il modello di sentimento di Citigroup, che tiene traccia di fattori quali i flussi di fondi e il trading di opzioni, stia indicando uno stato di euforia tra gli investitori.

Perché? La risposta è semplice: la Fed ha creato il più grande casinò legalizzato al mondo, e con tutti quelli che vincono chi vorrebbe partire quando il divertimento è appena iniziato.

“I discorsi dei funzionari della Federal Reserve e di altri funzionari del governo che sostanzialmente sono disposti a prendere tutto ciò che serve per assicurarsi che l’economia possa tornare in carreggiata dà agli investitori la sensazione che non ci siano rischi significativi nelle azioni”, ha affermato Michael Ball , amministratore delegato di Weatherstone Capital Management, con sede a Denver. ” Le cose come fondamentali e riacquisti non contano fino a quando non contano, e le persone esagerano per quello.”

Tuttavia, mentre tutti sono confusi sul perché la Fed possa continuare a fare ciò che fa (come ha detto Eric Peters nel fine settimana, “Le azioni stanno diventando paraboliche per tutti i motivi sbagliati: la Fed ha fatto un errore enorme “), compresi gli investitori professionisti, lì occasionalmente emergono pepite di chiare intuizioni come il seguente estratto di Benjamin Bowler:

“La percezione può diventare realtà, dal momento che gli investitori si sono allenati pesantemente dal GFC per non combattere la tendenza, sentendosi costretti a inseguire. Un rischio sta quindi soccombendo alla riflessività – che sta inferendo i fondamenti dai prezzi e credendo che i mercati stiano prevedendo correttamente un futuro roseo, nonostante molto è necessario che vada bene perché sia ​​così … Quindi, la chiave secondo noi è apprezzare i driver più probabili dei mercati qui (un circuito di feedback alimentato dalla percezione di quant + promessa di politica + la paura di perdersi) piuttosto che lasciare che i prezzi sostenuti seminino un’eccessiva fiducia nel fatto che i mercati possono davvero scrollare di dosso la peggiore recessione dopo la grande depressione (qualcosa che non si vede negli anni ’90) “.

Da zero hedge

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.