Summit per qualcosa

Foto-di-gruppo-del-summit-europeo-di-Bruxelles h partbAl prossimo summit, visto che noi italiani ormai non siamo nenche più buoni per raccontare barzellette e fare le corna nelle foto di gruppo, rischiamo di passare del tutto inosservati, se poi c’è caldo, Dio ci salvi, che Monti senza loden sembra l’Uomo invisibile di Wells.

Consiglio quindi al nostro una propostina che non è male e che sicuramente attirerà l’attenzione.

Devo però fare qualche premessa:

1- A tutti sta a cuore l’evasione fiscale

2- Troppi soldi riempiono i paradisi fiscali e svuotano le tasche dei Ministeri delle Finanze

3 – Non è tempo di chiudere gli occhi, la crisi morde e servono soldi, non tanto per ripianare debiti, quanto per far ripartire le economie.

La proposta è semplice e neanche del tutto nuova (con la Svizzera molti paesi europei si sono già messi d’accordo).

TUTTI gli Stati devono rendere pubblici i conti e l’ammontare dei medesimi, indicando i nomi dei possessori (sia individuali, che societari).

TUTTI i possessori dei medesimi hanno un mese per rettificare (sì o no sulla veridicità ed eventuali correzione degli importi).

I conti non attribuiti vengono messi in un MONTANTE COMUNE e ripartiti tra gli Stati.

I paesi che non aderiscono vengono BOICOTTATI adeguatamente (divieto di scambi commerciali, fino all’embargo totale). Sembra ingenua? Pensateci, avremo definito i buoni e i cattivi (o come paesi o come governanti) e potremo veramente capire chi ha voglia di fare e chi mena il torrone.

Con tutti i guai che ci stanno facendo passare, questo mi pare il minimo dovuto. Ultima cosa, non attacchiamo la musica della privacy, perché se vogliamo sempre sapere chi scopa con chi, a buon diritto dovremmo sapere chi ruba i nostri soldi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.