Segaioli al potere

Così venivano, per lo più, considerati quelli che andavano a vedere i soft porno o per dirla come al bar, tette e culi con la Fenech o la Bouchet. Gli attori  di “contorno”,nel senso che servivano per raccontare una cagata, ma con tanta pelle al sole, erano Alvaro Vitali  e Lino Banfi. Gli altri, più smagati, facevano gli intellettuali e andavano a vedere Bertolucci e Brass. Facevano un figurone e “beccavano” molto di più. Ma parliamo di tempi in cui le veline, le wags, le letterine, erano ancora di là da venire. Le sdoganò, poi, con grande successo Smaila, ma torniamo ai nostri eroi. Erano tempi duri, vedere una tetta era come scalare il Monte Bianco, vi lascio immaginare cosa valeva l’Everest e anche in quei film il Monte Bianco durava circa decimi di secondo e il monte di Venere era più immaginazione che contemplazione. Ai giorni nostri, ma sono nostri da decenni, quei film non li guarderebbe nemmeno un cane per quel motivo. Io altri motivi non ne vedevo, e quindi pensavo che non li vedesse nessuno. Scopro invece che ci sono illustri personaggi che tanto lustro danno all’Italia che non solo li conoscono, nonostante la tenera età, ma ne menano (e nella parola c’è tutta la grezzeria sottintesa) vanto. Fanno degli autoquiz per sfoggiare le competenze in materia.  Dimenticando che certi attori non lo sono per caso nelle parti che hanno fatto, perché era radicata in loro questa passione. Uno ad esempio, ha “amato”, a suo dire, tutti i personaggi politici di primo piano che si sono avvicendati in Italia negli ultimi 40 anni: tutti sono nel suo personale presepio e lui da sempre, finito il tempo delle corna e dei tradimenti cinematografici, ci affligge in TV,nel ruolo del nonno, ma grazie al giovane ammiratore, Giggino ce lo togliamo dalle palle e lo spediamo a rappresentarci all’UNESCO. Lo capiranno tutti (parla un fluente barese) lo ammireranno, rideranno delle sue spiritosaggini (sono persone gentili e non vorranno fare torto ad un vecchietto che racconta barzellette). A noi mancherà? A me tanto. Non lo capite? Tra i due avrei preferito l’emigrazione del giovane ammiratore, avremmo avuto meno danni. Perchè scegliere il vecchietto per una carica del genere vuol dire non capire una beata, come dice lui e prendere per il ..come dico io.

Commenti

Commenti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.