Referendum: sarà un voto politico

matteo_in_bilico Quanto tempo sta impiegando il governo per far vincere il Sì al referendum! Sarebbe necessario si concentrasse su come tentare di risolvere i maggiori problemi del Paese, dal recente terremoto alla non recente crisi del lavoro, al costo del lavoro, alla corruzione, alle banche in difficoltà, alla mafia (qui c’è bisogno di riforme), invece spende tutto il tempo da mesi per fare campagna elettorale. Renzi gira in lungo e in largo, anche fuori dall’Italia, per fare vincere una riforma che accrescerebbe il suo potere.Allora, ciò che spinge questo governo, a dire il vero, anche quelli passati, è la conservazione del potere. Sì, perché anche un governante, paradossalmente è precario, assolutamente dorato se vogliamo, ma  alle spalle può essere privo di una professione ben remunerata, vedi l’attuale Premier, o l’ha da tempo abbandonata per la politica, o semplicemente pensa che non può più fare a meno dell’alta carica. Ecco perché è essenziale per Matteo giocare il tutto per tutto in questa partita, oltre che stringere amicizie e dare collaborazioni alle principali banche d’affari, porto sicuro dove approdare, se le cose per lui si mettessero male. Allora, eccolo alla carica della Rai, dove lo vedremo quotidianamente nelle trasmissioni fino al giorno che precederà il voto, nelle scuole , negli atenei, divenuti scuola dell’obbligo, non perché si sia elevata l’età dell’obbligo scolastico, ma perché pare siano stati precettati anche laureati dottorandi, con la promessa di attestati di partecipazione o addirittura di crediti formativi, purchè presenti alla conferenza del Premier! Avendo personalizzato il referendum, vedremo quanti Italiani saranno soddisfatti dell’andazzo del paese e del suo governo, e quanti attraverso un diniego, saranno favorevoli ad una rupture. Insomma, mentre tutti parlano di entrare nel merito, avremo un voto politico su Renzi, sul premierato forte, surrettiziamente introdotto con la legge elettorale e su un futuro di Italia renziana, in cui si riducono i diritti sul lavoro e la rappresentanza democratica. Un’Italia in cui il partito della nazione non avrà alternative, perché la sinistra è stata distrutta e la destra si è suicidata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.