Politici all’Ikea

download E due. Dopo la senatrice Finocchiaro, beccata a far spesa all’Ikea con la scorta, ora è la volta della ministra Pinotti. E’ normale che persone così importanti vadano al supermercato con la scorta, qualche cittadino incazzato potrebbe tirargli un tavolino e sarebbero dolori, è normale che siano donne, anche a sinistra aldilà delle prediche, sono loro a fare la spesa. Meno normale è che i seguaci di Renzi, grande blateratore del made in Italy, comprino alla svedese Ikea, mentre i mobilifici italiani chiudono, ma in fondo sono io che non capisco gli italiani, infatti Landini, mentre si lamentava che la Fiat chiudeva le fabbriche, diceva che le sue macchine facevano un po’ schifo e nei parcheggi antistanti le fabbriche del gruppo, le auto straniere sono almeno la metà. Insomma predicare bene e farsi i fatti propri. Allora, Ikea per tutti! Certo nel primo caso la scorta spingeva il carrello e in questo caso un membro si è lasciato scappare un “abbiamo fretta “che assomigliava all’ormai storico e desueto” lei non sa chi siamo noi”. Pazienza, non si può chiedere alle scorte di essere meno arroganti dei loro scortati. Perché, fin che dura, loro son loro e noi non siamo.. niente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.