Mercati e sovranità nazionale

frecce-tricolori-300x200Sulla rete ha grande successo lo slogan “tocca agli italiani scegliersi il governo, non ai mercati”, infatti nessuno dice agli italiani come devono votare, men che meno i mercati.

Il problema è che la classe politica che ha portato il Paese ad avere un debito di 2000 mld di euro, l’hanno scelta gli italiani.

I mercati si sono solo rifiutati, prima dell’avvento del governo Monti, di prestare il loro denaro ad un basso tasso di interesse, innescando così una crisi di liquidità, che è l’anticamera dell’insolvenza.

Certo una democrazia senza sovranità è fragile, ma la sovranità ha un costo, una volta si difendeva con l’economia, la politica estera e le guerre.

Oggi per fortuna sono rimaste le prime due opzioni.

Noi non abbiamo una politica estera, vedi la vicenda dei marò in India, combattiamo guerre non nostre e continuiamo a spendere più di quello che incassiamo, facendo debiti.

Ora ai creditori non interessa chi ci governa, ma cosa fa per garantire che pagherà gli interessi e rimborserà il capitale.

Chi è senza debiti si può disinteressare della finanza mondiale, come un’azienda solida, delle banche, ma Stati e aziende che dipendono in maniera massiccia dal credito, più che della sovranità, devono preoccuparsi di recuperare la credibilità necessaria per mantenere la fiducia dei creditori. L’alternativa è una sola: dichiarare lo stato di insolvenza, il fallimento, insomma.

Il problema è che chi fallisce non migliora mai la sua situazione, a meno che non abbia occultato patrimonio, dubitiamo che lo Stato italiano abbia conti in Svizzera o alle Cayman, forse li hanno alcuni italiani, ma non è la stessa cosa.

Nelle difficoltà tendiamo tutti ad avere la memoria corta, dimenticando che solo un anno fa chiamammo Monti a fare l’amministratore straordinario, elogiando il fatto che avesse credibilità internazionale.

Poi, da quando è sceso in politica, scelta giusta o sbagliata, ognuno la vede come vuole, è una corsa ad affidarsi a vecchi e nuovi pifferai, a Napoli direbbero “passata la festa, gabbato lo santo”.

Tutti grillini, tutti impegnati a fermare il declino, a smacchiare giaguari o a progettare condoni, come fosse passata la nottata.

La colpa di tutto è ovviamente di Monti e dei due fossili che lo appoggiano, Casini e Fini, tra l’altro cognomi da sfiga. Solo che non è così e tra breve lo scopriremo, perché non sono i mercati ad aver bisogno di noi e nei famosi mercati ci sono anche i piccoli e grandi investitori italiani, ci siamo in tanti.

Molti di coloro che oggi sbraitano contro gli speculatori erano tra i più ansiosi venditori di titoli di stato alla fine dello scorso anno e ora magari si presentano vestiti da rivoluzionari, avendo già venduto i titoli italiani.

Perché saremo gattopardi, ma siamo “furbi”.

Tanto la colpa è di Monti. Giusto mi sto ancora chiedendo perché sia “sceso” in politica, in questa arena non si sale, forse perché non conosce bene gli italiani.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.