La voce del padrone

21478431 senza-la-pretesa-di-convincervi-almeno-per-ora-0Da raro esemplare di elettore reggioemiliano NON di sinistra, assisto sbigottito e stordito all’ennesimo servizio del TG che dà conto del summit dei parlamentari del PDL a casa del padrone.

Non mi piace la tesi secondo cui il Capo non può essere destituito da senatore perchè votato da una decina di milioni di persone. Mi pare che sulla scheda fosse scritto PDL che, se ben ricordo, è sommatoria di AN + Forza Italia .Ma da questo problema , un altro ne discende: se il PDL ritorna Forza Italia, quelli di AN che fine faranno?

Fagocitati ANch’essi?

Del resto, per un elettore NON di sinistra, è sempre più ostico distinguere gli uni dagli altri e gli uni e gli altri, da quelli del PD. Andiamo a Montecarlo in cerca di superstiti?

Ma tornando ai vertice di Arcore (in un Paese normale, le riunioni di Partito si tengono presso la sede della Segreteria!) e vedendo uscire dalla villa del “Sciur Padrun“ i falchi (dolcissimo il falchetto!) e le colombe (a mio avviso, tutti comunque pecorelle), mi interrogo non tanto sulla agibilità, termine orrendo, del padrone del vapore, bensì su quanto siano abili, diversamente assai , i gregari del “ campione “.

E’ partito il conto alla rovescia per staccare la spina al Governo delle “Larghe Intese“?

Beh, ci potrebbe pure stare, ma a causa di eventuali impegni NON rispettati, ad esempio l’ abolizione dell’IMU, non perchè gli avversari storici si rifiutano di assolvere in Parlamento chi è stato invece condannato nelle Aule di Giustizia .

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.