La Corte dei privilegi

Mouse with cheese

I Giudici della Corte costituzionale italiana, percepiscono stipendi tre volte superiori a quelli della Corte Suprema americana, hanno numerosi benefits tra cui il telefono di casa, supponiamo che anche i familiari quando parlano con le amiche o gli amici, si attengano ad argomenti riguardanti la Costituzione, del resto per l’articolo tre non si comprenderebbe perché il telefono non debba essere gratis per tutti. Viva l’uguaglianza. L’auto di servizio costa 750 euro al giorno, ci chiediamo se sia un bus navetta Napoli-Milano, eppure per il professor Onida, esponente del Pd, cinque milioni di euro l’anno sono una giusta cifra per garantire l’autonomia, il che fa supporre che sotto quella, i Giudici si farebbero comperare e che quelli statunitensi siano una manica di corrotti.

Poi viene da pensare che tutti gli italiani che prendono stipendi inferiori, siano grassatori, ladri e usurai. Insomma, con buona pace dell’articolo tre, dell’autonomia e dell’indipendenza di pensionati al minimo, disoccupati, precari e compagnia cantando, frega niente a nessuno. Con la situazione attuale, il furto non è più la proprietà, ma il privilegio e la “Costituzione più bella del mondo” non tutela l’uguaglianza, ma le caste. Puoi tagliare stipendi e pensioni al popolo, ma non ai burocrati e ai magistrati. Per costoro permangono le carriere automatiche, all’anima del merito, non si nega a nessuno un mese di presidenza con annesso scatto pensionistico, godono del privilegio dell’irresponsabilità e sovente cumulano anche la pensione del lavoro precedente. Uno penserà che abbiano acquisito speciali meriti, non è vero, sono nominati dal Parlamento, dal Presidente della Repubblica o dalla loro casta. Sono sicuramente tutti geni, si vede che nel loro caso, la politica, quando li nomina, è guidata dallo Spirito Santo, non dai soliti bassi interessi.

Giuliano Amato, il braccio destro di Bettino Craxi, che già godeva di oltre 30.000 euro di pensione, ora è stato nominato Giudice costituzionale e quel nuovo compenso tutela la sua autonomia, anche se non sappiamo da cosa, visto che ha sempre navigato nel potere come un topo nel formaggio. E allora avanti , fin che ce n’é.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.