Il piano del Pd per cogliere l’elettorato di sorpresa

Di Francesco Cundari

Referendum, Campidoglio, Mes: il caos all’interno dei democratici non è frutto del caso, è una scelta. Anzi, un nuovo-vecchissimo metodo di governo: la strategia del fatto compiuto

Parafrasando il luogo comune preferito dai populisti, si potrebbe dire che un’assurdità può essere un caso, ma tre assurdità fanno una strategia. E a questo punto la strategia del Partito democratico per arrivare all’abbraccio definitivo con i cinquestelle non potrebbe essere più chiara.

Il silenzio del Partito democratico sul referendum costituzionale, a quattro settimane dal voto, è reso infatti ancora più straniante dall’annuncio di una prossima direzione per decidere la posizione ufficiale «ai primi di settembre» (a questo punto perché non farla direttamente dopo il voto, verrebbe da chiedersi), oltre che dalla scelta di disertare le tribune elettorali in cui i suoi esponenti avrebbero dovuto comparire per difendere le ragioni del Sì. E che dire del caso Roma? Qui Virginia Raggi è già in piena campagna per la rielezione (appuntamento che non dovrebbe cogliere di sorpresa nessuno, trattandosi della naturale scadenza) e il Partito democratico, ripetuto un paio di volte il suo diniego alla richiesta di sostenerla, continua ciò nonostante a tergiversare, come se la questione non lo riguardasse (o se il suo scontato rifiuto dovesse trasformarsi prima o poi in una sorta di silenzio-assenso, magari al secondo turno). 

Per non parlare del Mes, intorno al quale a ben vedere va in scena uno spettacolo perfettamente speculare: una richiesta sempre meno ultimativa che minaccia di trasformarsi nella silente accettazione del rifiuto altrui.

Se ne deve concludere che in ciascuno di questi casi, e nei molti altri che si potrebbero analizzare, il silenzio, la confusione, il disorientamento che sembrano regnare nel Partito democratico non corrispondono affatto a un momento di difficoltà o d’imbarazzo, ma a un preciso disegno strategico (va bene, mi sono fatto prendere la mano, diciamo un disegnino). 

Il piano del Partito democratico, evidentemente, è cogliere l’elettorato di sorpresa. Prendere i militanti alla sprovvista. Restarsene acquattato fino all’ultimo, senza lasciare intendere nemmeno a gran parte dei dirigenti le proprie vere intenzioni, per mettere tutti davanti al fatto compiuto al momento decisivo, quando sarà troppo tardi per invertire la rotta, o anche solo per discuterne seriamente.

Un modo di fare che certo non appare in linea con la migliore tradizione del Partito democratico, ma che promette in compenso di armonizzarsi assai bene con quella degli attuali e forse futuri alleati grillini. Per il matrimonio perfetto, obiettivamente, manca solo il sigillo definitivo di una bella votazione in extremis su Rousseau. Ma non preoccupatevi, c’è ancora tempo.

Da Linkiesta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.