I problema della sinistra è la sua classe dirigente

Di Peppino Caldarola

Leggo che qualche renziano, di fronte a sondaggi disastrosi, stia pensando di tornare indietro. Può essere. Le scissioni non pagano quasi mai. Anche la sinistra che fondò Articolo uno scoprì, col voto, che aveva pochi seguaci e si è spaccata in mille pezzi, alcuni dei quali rientrati nel Partito democratico.

Possiamo discuterne quanto vogliamo, ma il nodo del discorso non sta nel fallimento di una prospettiva di rifondazione renzista o radicale, e neppure nel fatto che vi sia chi, pentito/a, voglia tornare alla casa madre. Il nodo sta nel fatto che

Se osserviamo i sondaggi del Pd, e guardiamo contemporaneamente i dati dei renziani o dei radical, si resta colpiti come tutto questo vocio su scissioni e ritorni lasci indifferente l’elettorato di sinistra. Mentre quello di destra si smuove da antiche certezze e, per esempio, sta premiando Giorgia Meloni e mostrando una certa stanchezza verso Matteo Salvini, quelli che votavano a sinistra se ne sono andati definitivamente. Se ne sono andati gli elettori dei quartieri poveri, ma se ne stanno andando anche quelli della “borghesia rossa”.

DIRIGENTI RASSEGNATI, A PARTE ZINGARETTI E CUPERLO

È come se, malgrado gli sforzi generosi di alcuni dirigenti, e fra questi metto indubbiamente Nicola Zingaretti e Gianni Cuperlo, molti ritengano che il gioco non vale più la candela. Lascerei persino perdere le discussioni se siamo di fronte alla morte della sinistra, tema caro a chi è sempre stato più a sinistra di Mao Tze Tung, per soffermarmi sul fatto che tantissimi italiani credono che queste formazioni politiche di sinistra sono ormai inutili persino per contrastare l’avanzata di una destra che fa un po’ paura.

IN PUGLIA NON HANNO RISOLTO UN SOLO PROBLEMA

La cronaca politica, infatti, non regala messaggi di buon umore o di fiducia. Se in Calabria il candidato governatore è un ottimo industriale che prima tifava per la destra, se in Puglia l’intera filiera dei candidati è al governo da una vita e non è riuscita neppure ad affrontare un solo problema, dal caporalato, all’Ilva, alla Xylella, alla Banca popolare di Bari, a La Gazzetta del Mezzogiorno, è facile capire come sia difficile avere fiducia nel futuro.

Si può discutere una vita attorno alle sardine, alla necessità di andare verso il popolo, di fare proposte di sinistra, ma se chi rappresenta la sinistra è di destra o sta al vertice da anni senza risultati evidenti, è normale prendersi un vaffa sui denti. Nasce da qui la ragione di Big bang, non semplicemente di un cambio di linea politica. È necessario fare quello che si fa nelle situazioni eccezionali: si cambia tutto. Fino a che i leader della sinistra, periferici e nazionali, appariranno quelli di sempre e da sempre nelle stanze del potere non ci sarà speranza.

Non penso che questo, cioè cacciarli, sia il compito delle sardine, anche se provo pena per la saccenteria con cui molti di sinistra fanno il contropelo a questi ragazzi/e coraggiosi. Le sardine stanno facendo un lavoro eccezionale riempiendo territori occupati dalla destra e proclamando idee e valori che in Italia sembravano scomparsi dal dibattito pubblico di massa. Può bastare. Se poi decideranno di diventare partito politico o no, è cosa che decideranno loro.

SERVE UN PARTITO CHE SIA UN INTERLOCUTORE CREDIBILE

Quello che un partito di sinistra, moderato o meno moderato, può fare è mostrare di essere un interlocutore credibile innanzitutto offrendo una classe dirigente capace, che sa risolvere i problemi, che preferisce lavorare invece della continua manfrina su giornali e tivù.

COSA CI VUOLE A CAPIRE CHE EMILIANO NON VA RICANDIDATO?

Ma ve lo deve dire San Nicola che in Puglia non si può andare avanti ricandidando Michele Emiliano? Lo devo spiegare io a quel deputato pugliese che si è scandalizzato perché al comizio della Meloni ha visto militanti col braccio teso che agli elettori di Bari, e non solo, sta più a cuore la sorte di una banca e che si aspettano di non veder premiati quelli che hanno portato l’istituto alla rovina?

Se le cose stanno così, che tornino indietro alcuni renziani o renziane è del tutto irrilevante. Vadano dove li porta il sogno di un nuovo seggio parlamentare. A proposito, una cosa vorrei dire a Zingaretti: riprenditi chi vuoi, ma Teresa Bellanova lasciala là dov’è. Tutti quelli che ha appoggiato si sono schiantati. E chi capisce, capisce.

Lettera 43

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.