Dialoghi di un futuro mooolto prossimo

logo belly smiles

Notazione necessaria: con I definiamo l’intervistatore, con C le o i candidati.

I : Cari telespettatori, abbiamo qui alcuni dei nuovi candidati al Parlamento, voi li conoscete già, ma non in
veste politica, e risponderanno ad alcune domande.

I : Buongiorno signor Dash cosa pensa di fare per i suoi elettori?

C : Penso che principalmente eliminerò tutte le macchie e lo sporco del passato, capisco è un grave
impegno, ma mi sento pronto.

I : E lei signorina Activia?

C : La mia aspirazione è portare tanta tanta regolarità, soprattutto quotidiana e se mi riuscirà, ma ne sono certa, vedrete quanti benèfici vantaggi si potranno avere, ma di questo ora non vorrei parlare

I : Signora Auto, lei è qui in rappresentanza di un folto gruppo di candidati, ci può dire a cosa puntate?

C : Guardi, noi abbiamo un modello per qualsiasi situazione si presenti, quindi non c’è che da metterci alla
prova ed è per questo che abbiamo già da tempo dato modo agli elettori di testare le nostre capacità, non
c’è elettore che presso di noi non trovi la soluzione necessaria e tenga conto di quanto abbiamo fatto e
stiamo facendo per l’ambiente.

Fine

Nel senso che queste interviste potrebbero durare una vita. Perchè questo giochetto? Perché già a queste
elezioni il ricorso a candidati “raccogli voti” quelli che di politica non ne masticano troppo, ma che voti ne
potrebbero portare ce ne sono a vagonate. E perché anche i trombati lo sono nella misura in cui possono
far perdere voti. Solo questo spiega i vari Moggi, Dell’Utri, Cosentino, Scaiola, D’Alema, Castagnetti e
compagnia cantante.

Continuano a prenderci per i fondelli (quando ho scritto culo la redazione mi ha redarguito e da allora
mi adeguo), già in passato abbiamo avuto Cicciolina, Gerry Scotti (presenze 2 in tutta la legislatura), Iva
Zanicchi (lei anche al Parlamento Europeo, forse per le sue conoscenze linguistiche) e poi calciatori (che
litigano con l’italiano) e giornalisti : una pletora (il più celebre Marrazzo e dire stendiamo un velo pietoso è
una battutaccia).

Ma qui continuano a pensare che siamo fessi e magari hanno ragione. E quindi anche nel prossimo
consesso (qui Parlamento mi viene difficile dirlo) ci ritroviamo Scilipoti

Resta solo la domanda che Cruciani (programma la Zanzara) ha fatto alla Santanchè (il signora ce lo mettete
voi se volete) : mi scusi ma non candidare Cosentino è come spedirlo in galera e allora perché per par
condicio il presidente si è non candidato, eppure lui è già stato condannato –in prima istanza certo- e
Cosentino è solo indagato?

E Cruciani non è certo un comunista. Magari non è simpatico, a volte addirittura greve, e alla sua
trasmissione sono passati tutti quelli che Vespa e Ballarò non invitano, la pancia della politica, ma lui le
domande le fa, segno che se si vuol informare la gente il modo c’è e son balle che il mestiere in Italia è
impossibile.

Lo è solo per quelli che domani magari un seggio…

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.