Cacciari faccia come Bartali

bartaliSovente il professor Cacciari sale in cattedra e questo è normale, altrimenti che professore sarebbe?

Appare in tv, scrive sull’Espresso, rilascia interviste.

Le sue dichiarazioni ormai sono sempre simili, molto pessimistiche e questo è un riflesso della situazione, del resto non è facile inventarsi cose nuove.

Intervistato dalla Zanzara, nota trasmissione radio-televisiva, ha dichiarato che un Primo Ministro (Berlusconi), che fa travestire una certa Marystel Polanco da Ilda Boccassini, deve avere qualche problema.Giusto, ma sono cose che la moglie di Berlusconi aveva scritto ai giornali già molto tempo fa. Poi ovviamente non si può che condividere quanto sia patologico il solo fatto di vestire la Polanco.

Sicuramente Strauss Kahn le avrebbe strappato tutto, anche il tanga, ma lui è un vero liberale e un vero libertino, a differenza del Cavaliere.

Poi Cacciari ci ha fatto sapere che Bersani ha bevuto troppe birre da solo, se pensa di aver vinto le elezioni senza se e senza ma, poiché il Pd non ha preso un voto in più. Forse il Bersa ha un po’ esagerato, ma in effetti le amministrazioni le ha vinte, magari per il solo fatto di essere rimasto fermo, mentre gli altri crollavano.

Non sappiamo cosa pensi il professore del vero vincitore di queste elezioni, cioè Beppe Grillo, ma temiamo che neppure lui prenderebbe la sufficienza. Chi di sicuro viene bocciato è Montezemolo, ormai costretto a scendere in campo per non fare la figura del cretino, anche se destinato a un ruolo secondario.

Di chi non sappiamo, forse di Monti, che però non si candida, forse di Passera che però si sta rivelando molto evanescente, forse di Casini, astuto, potente e abile. Però anche il Pier nelle urne ha raccolto poco e se non vince le elezioni col centrodestra, si può scordare il Quirinale e ci pare che abbia più bisogno lui di Montezemolo che viceversa.

Non parliamo poi di ectoplasmi come Fini e Rutelli o di demagoghi in salsa greca come Vendola e Di Pietro. Insomma, come avrebbe detto Bartali è tutto sbagliato, è tutto da rifare.

Se così è, il professore prenda la bicicletta e pedali, come faceva” ostiando” il vecchio Gino, che qualche giro lo vinceva e nel ’48, vincendo il Tour, aiutò a calmare gli animi accesi dall’attentato a Togliatti.

Del resto il professore è sfortunato anche nelle corse ai cavalli, il suo ultimo beniamino, Chiamparino, ha preferito la comoda poltrona di una Fondazione bancaria, alla durezza della vita politica. Certo di nuovo in giro c’è poco, compresi i giudizi e le opinioni di Massimo Cacciari.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.