Buffagni, la Lega e l’ambigua sponda di Giorgetti

I vertici di Bankitalia, la scelta di Gerarda Pantalone come prefetto di Roma, persino la questione del rinnovo del cda di Sace – messa in stand by per il braccio di ferro tra il ministro dell’Economia Giovanni Tria e l’amministratore delegato di Cassa depositi e prestiti, Fabrizio Palermo, a sua volta in contrasto con il presidente Massimo Tononi – di cui pure si era sempre occupato: in tutte le più recenti partite di nomine di governo, è improvvisamente scomparso dalla scena Stefano Buffagni

Perché il rampante sottosegretario grillino, fiduciario senza riserve di Luigi Di Maio e diretto plenipotenziario della Casaleggio & Associati, fin dall’esordio del governo Conteprotagonista assoluto delle nomine pubbliche tanto da essere accusato di eccessive e persino plateali ingerenze, risulta così clamorosamente non pervenuto? Pare che la scelta di estrometterlo l’abbia fatta il vicepremier Di Maio in persona, chiedendo al ministro per i rapporti con il Parlamento e la democrazia diretta Riccardo Fraccaro di prenderne il posto. I bene informati parlano di «scelta prudenziale», di «consigli venuti dall’alto». Ma per ora di più non si riesce a sapere.

IL SOTTOSEGRETARIO M5S ATTIRATO DALLE SIRENE DELLA LEGA

Sta di fatto che a Milano, città dove Buffagni opera, si parla con insistenza di suoi contatti con esponenti di Assolombarda, a cui il sottosegretario agli Affari Regionali avrebbe confidato tutta la sua scontentezza sia per come gira il governo e l’incidenza decrescente dei cinque stelle nell’esecutivo, sia per il suo personale ruolo, che considerava già prima formalmente marginale e che ora sarebbe diventato tale anche sul piano sostanziale. Per questo si dice anche che i suoi sfoghi avrebbero un preciso obiettivo: farsi aiutare dagli industriali milanesi a traghettare verso la sponda leghista, ovviamente dopo le elezioni europee se queste dovessero andare male per i pentastellati e se ciò facesse maturare nuovi equilibri politici. L’idea è che ad accoglierlo sulla sponda del Carroccio dovrebbe esserci Giancarlo Giorgetti, che con lui ha molto lavorato, fino a poco tempo fa, sul fronte della condivisione delle nomine. Ma c’è chi sostiene che il sottosegretario alla presidenza del Consiglio non abbia proprio simpatia per Buffagni, e che al momento buono potrebbe far rientrare la scialuppa di salvataggio per lasciarlo affogare. Partita (di potere) tutta aperta.

Da Lettera 43

Commenti

Commenti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.