Arcore l’ultima ridotta

arcore-villa-san-martinoChiuso nella villa di Arcore, come Mussolini al Gran Sasso, Berlusconi rimugina i suoi pensieri, mescola un mazzo di carte fatto di rancori, amarezze, tradimenti e poca politica, circondato e frastornato da falchi e colombe che non possono dissentire ma solo approvare, la distinzione fra loro è quindi di toni e non certo di sostanza.

L’ora della fine si avvicina e la scelta è se arrendersi a Napolitano, Re d’Italia o combattere l’ultima disperata battaglia elettorale, facendo cadere il governo.

Scelte entrambe difficili, la resa sarebbe senza condizioni e un minuto dopo, falchi e colombe prenderebbero il volo verso altri lidi.

La resa elettorale rischia di essere inutile, con questa legge Berlusconi non può vincere in entrambe le Camere e il rischio che il Pd si affidi a Renzi, rende ancor più difficile la vittoria ed il Pd, proprio per l’antico riflesso antiberlusconiano si affiderà al sindaco di Firenze, come per Prodi i problemi verranno spostati a dopo.

Considerato che l’Italia è nel caos, la scelta più giusta è quella elettorale, una robusta opposizione in questo quadro fragile conta molto di più di un debole partito di governo.

Le guerre “civili” si sa dove iniziano, ma non come finiscono e normalmente si fanno pochi prigionieri.

Silvio deve scegliere, sapendo che il sentiero della vittoria è stretto e che in caso di sconfitta non lo aspetta una “bella morte”, anche se arrivati a questo punto, forse gli converrebbe andare a vedere.

Dicono che le elezioni non servono al Paese. E’ falso!

Ciò che non serve è la paralisi di questa maggioranza.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.