Possibili target dell’m&a

 Dopo un rallentamento lo scorso anno (da 2.600 miliardi a 2.300 miliardi di dollari), l’attività di m&a (fusioni e acquisizioni) ha già visto nel 2017 importanti operazioni, come Johnson & Johnson-Actelion (30 miliardi di dollari), Reckitt Benkiser-Mead Johnson Nutrition (18 miliardi), Essilor -Luxottica (17 miliardi) e Safran -Zodiac (10 miliardi) solo per citarne alcune. In particolare, grazie a una moneta più debole e a valutazioni più contenute, le società europee sono molto attraenti per potenziali predatori Usa. Ecco i target individuati dagli analisti di Socgen

1) Meggitt. Rating hold (mantenere) con prezzo obiettivo 475 pence, contro una quotazione attuale di 445,3 pence per la società di engineering specializzata nel settore aerospaziale-difesa. Il titolo, che capitalizza 4 mliardi di dollari, tratta 15,3 volte l’utile 2017. Il potenziale acquirente potrebbe essere Honeywell.

2) Imperial Brands. Giudizio buy (comprare) con target price 4500 pence, superiore alla quotazione attuale di 3867. Il colosso del tabacco (44 miliardi di dollari di capitalizzazione) può essere la preda ideale di Japan Tobacco. Il titolo viene scambiato 14 volte l’utile 2017.

3) Uniper . Rating hold (mantenere) con prezzo obiettivo 13,6 euro, inferiore alla quotazione attuale di 15,78 euro per la multiutility nata nel settembre 2016 da uno spin-off di E.On, che ha dichiarato che intende cederla. Il titolo, che capitalizza 5 miliardi di dollari, tratta 10,6 volte l’utile 2017.

4) Hugo Boss. Giudizio sell (vendere) con target price 55 euro, inferiore alla quotazione attuale di 68,40. Il gruppo del fashion (5 miliardi di dollari di capitalizzazione) è una preda ideale, visto che il flottante rappresenta quasi il 90% del capitale e l’azionariato sarebbe disposto a cedere a un fondo di private equity o a una società del lusso Usa. Il titolo viene scambiato 20,5 volte l’utile 2017.

5) Glaxosmithkline. Rating sell (vendere) con prezzo obiettivo 1300 pence, inferiore alla quotazione attuale di 1659,5, per gigante farmaceutico che capitalizza 95 miliardi di dollari. Date le dimensioni l’unica società che teoricamente potrebbe acquisirlo è Pfizer, ma con una bassa probabilità. Il titolo tratta 16 volte l’utile 2017.

6) Telecom Italia . Giudizio hold (mantenere) con target price 1,1 euro, contro una quotazione attuale di 0,84. La compagnia di tlc, che capitalizza 13 miliardi di dollari, potrebbe essere, secondo gli analisti di Socgen , una preda ideale per un’altra compagnia del settore (come Orange ) che a quel punto lancerebbe un’opa sulla totalità del capitale. Il titolo viene scambiato 9,5 volte l’utile 2017.

7) Bayer . Rating hold (mantenere) con prezzo obiettivo 110 euro, contro una quotazione attuale di 108, per gruppo farmaceutico che capitalizza 91 miliardi di dollari. I potenziali acquirenti potrebbero essere Johnson & Johnson, Novartis e Sanofi . Il titolo tratta 14 volte l’utile 2017.

8) Akzo Nobel. Giudizio buy con target price 89 euro, contro una quotazione attuale di 77,7. Nel settore chimico la tendenza al consolidamento è molto forte, con PPG e Sherwin-Williams che vogliono diventare i leader assoluti. PPG ha già fatto un’offerta per Alzo Nobel, che è stata però respinta. Il titolo, che capitalizza 17 miliardi di dollari, viene scambiato 18,6 volte l’utile 2017.

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.