Paradisi fiscali

fisco-2015-07-nuovi-paradisi-fiscali-alternativi-alla-svizzera-ecco-quali-sono-bigHanno scoperto che ci sono cassette fisiche piene di so ldi fisici a Panama. Non sono mie, probabilmente neppure vostre. Sicuramente una è di Putin, un’altra è di Messi, poi c’è quella del re dell’Arabia Saudita e non poteva mancare quella dell’onnipresenzialista Luca Cordero. Le cifre non sono date sapere (almeno a me). Ci sono tanti politici, anche il Presidente del Consiglio islandese, che ha venduto alla moglie per € 1 le banche scoppiate del suo paese. Ci sono tantissimi sospettati di malaffare (mafie e droga) e tanti altri poveracci (mentalmente) seguaci del Magnifico Lorenzo (ramo Medici) che temono l’incertezza del domani. Ma non vivono come lui, che raccomandava “chi vuol esser lieto sia”. No, temono il calcio (nel culo) e si preparano per un radioso futuro. Sono dei pezzenti mentali che guadagnano soldi a palate (quelle delle ruspe grandi) ma vivono male, con l’ansia. E vivono appena meglio solo perché i politici questa ansia cercano di togliergliela in ogni modo. Già sono decenni che si parla di abolire i paradisi fiscali ed Europa e America sono i portabandiera di questa politica. Strano, in Europa conto: San Marino, Stato del Vaticano, Andorra, Lichtenstein, Lussemburgo, isola di Mann (e altre analoghe isolette nella Manica). Tutti paradisi fiscali. Alla Svizzera (giustamente) abbiamo fatto tutte le pressioni del caso per sapere di chi erano i conti dei non residenti. A questi non chiediamo neppure l’ora. Se parlassimo poi degli USA, dovremmo soffermarci sul fatto che hanno “liberato” con l’esercito Panama dal terribile Noriega (roba da opera dei pupi). Si sono “scordati” per 15 anni di “liberare” le informazioni bancarie. Non voglio parlare di Albione, sicuramente perfida, per tutti i paradisi cui dà ricetto nel Commonwealth. Si è tanto parlato di black, gray e white lists. Sarebbe ora di smetterla di farci prendere per i fondelli. Tanto una cosa è chiara. I soldi che sono “coperti” non sono in nostra proprietà, ma troppo spesso di nostra proprietà (o per evasione fiscale o per derivazione malavitosa). Chiedete di non parlare ma di fare. Che poi sarebbe facilissimo. Ormai tutto e tutti, nell’era dei computer, sono improteggibili. Basterebbe un plotone di hacker o una buona mancia per dipendenti corruttibili di quelle banche. Come è già successo. Ma non se ne è più saputo nulla e di nomi, dopo i primi, neppure l’ombra. Già. Perché?

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.