Obbligazioni: meglio le corporate

Dopo un periodo molto caldo sul fronte obbligazionario, è utile cercare di fare un punto, anche se provvisorio. La crescita dei titoli di Stato tedeschi ed inglesi è stata favorita da una forte fase di “flight to quality”, ovvero la propensione degli investitori a preferire titoli sicuri, ma ora questo trend potrebbe rallentare: sia per l’affievolimento dei timori, sia perché gli investitori non riescono a vivere troppo a lungo nella paura e nei bassi rendimenti. I titoli di Stato tedeschi a due anni rendono meno di un punto e se il decennale tornasse ai livelli di inizio anno, registrerebbe una perdita di nove punti in conto capitale. La volatilità potrebbe ancora continuare, ma il rendimento dei bund e degli altri titoli dell’Europa core non è più interessante, anche dal punto di vista della rivalutazione. Per quando riguarda Italia e Spagna, dovendo scegliere tra titoli di Stato ed obbligazioni corporate industriali, preferiamo queste ultime, ad esempio una recente obbligazione decennale dell’Enel con rendimento facciale del 5%, quotata sotto la parità, la Telecom Italia con scadenza 10/02/22 XS048610102 (rend. 5,39%), la Telefonica 11/11/19 XS046299957 (rend. 4,51%). Sebbene le finanze dei governi italiani e spagnoli siano sotto pressione, è pensabile che la loro economia sia troppo grande per prevedere un fallimento che porterebbe a fondo l’Europa intera. I due paesi si trovano ad affrontare un problema di liquidità, piuttosto che di insolvenza, nel caso italiano anche un problema di credibilità politica. In Spagna il rapporto Debito/Pil è basso, mentre è elevato il rapporto Deficit/Pil, in Italia i valori sono opposti. Però è possibile che il contagio greco o portoghese e la spinta della speculazione facciano oscillare il valore dei titoli di Stato. Per questo riteniamo che una buona diversificazione sia appunto rappresentata dalle obbligazioni corporate.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.