Mutui, c’era anche l’arbitro cornuto

ng1085926 Chi di voi lettori del Blog ricorda la partita Italia-Corea del Sud giocata ai mondiali del 2002 in Corea e diretta dal “famoso” arbitro ecuadoriano Byron Moreno?

La partita finì con il golden goal della Corea, e l’arbitraggio fece gridare allo scandalo tutta l’Italia.

Ecco, per i mutui pare che ci sia stato lo stesso problema; l’arbitro non si è proprio comportato con la dovuta imparzialità sportiva, in questo caso finanziaria, legale o come la si voglia chiamare.

Se nel calcio il termometro è la passione dei tifosi, in finanza bisogna capire l’entità delle fredde cifre, evidenziando che l’economia mondiale, misurata dal corrispondente globale del nostro PIL, ammonta a circa 80mila miliardi di dollari. Mentre si stima in 800mila miliardi di dollari il valore delle partecipazioni ancorate al tasso Libor (London Interbank Offered Rate), di cui 350 mila miliardi di dollari in Swap (derivati) e 10mila miliardi di dollari di prestiti. Il Libor, riassumendo, regola sul mercato più di 10 volte la dimensione effettiva dell’intera economia mondiale.

Il Sfo inglese (Serious Fraud Office), e se stessimo ancora parlando di calcio corrisponderebbe alla FIFA, ha annunciato venerdì l’avvio di un’indagine penale sul fixing del tasso interbancario da parte dei trader di diverse banche, Barclays in testa. Secondo precise indiscrezioni, anche altri paesi stanno cercando di capire quanto è accaduto, non ultimo il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti.

L’inchiesta civile della Financial Services Authority britannica (Fsa) e della Cftc americana, tuttora in corso, ha rivelato che per almeno 5 anni, tra il 2005 e il 2009, alcuni trader di Barclays e di altre banche hanno manipolato i tassi interbancari sia per aumentare i propri profitti o ridurre le perdite, sia per minimizzare l’impatto della crisi finanziaria sulla banca. Proprio la settimana scorsa Barclays aveva ammesso le sue responsabilità sul fixing sia del Libor che dell’Euribor e aveva pagato 453 milioni di dollari di multa, in accordo con le autorità di regolamentazione degli Stati Uniti e della Gran Bretagna, ammettendo una manipolazione a suo favore dei tassi. Lo scandalo ha portato alle dimissioni con effetto immediato dell’ad della banca Bob Diamond e del chief operating officer, Jerry del Missier.

Ma cos’è questo Libor? E’ un tasso di riferimento dei mercati finanziari; è un tasso varibile ed è il tasso di riferimento europeo, al quale le banche si prestano denaro tra loro, spesso di notte, dopo la chiusura dei mercati. Il mercato interbancario è importantissimo per assicurare la solvibilità delle banche e dell’intero sistema creditizio e per una banca è il sistema più facile e meno costoso per reperire capitali. Nel concreto, è un sondaggio quotidiano che le banche fanno per stimare quanto costa chiedere denaro a prestito l’una dall’altra per 15 periodi diversi e da overnight fino ad un anno, ed in valute; dollari euro, yen e franchi svizzeri. Il Libor viene comunemente adoperato come base per il calcolo dei tassi d’interesse relativi a molte operazioni finanziarie (mutui, future, ecc.) principalmente in valute diverse dall’Euro, per il quale il tasso di riferimento è l’Euribor. Il punto è che la rilevazione non viene fatta su transazioni reali ma su dei sondaggi.

Per capire l’importanza del Libor, occorre fare un passo indietro e parlare di derivati. Le grandi banche d’investimento sono tutte fabbriche prodotti di titoli strutturati. Questi derivati coprono i tassi, i cambi, le commodities e via così. Solo per Barklays la finanza di carta vale ben 56000 miliardi di euro, e stiamo parlando della seconda banca emittente dopo Jp Morgan (che recentemente ha ammesso un buco di 9 miliardi di dollari dall’attività sui derivati). C’è da dire che nonostante i buoni propositi espressi da tutti dopo la caduta di Lehman Brothers, il mercato dei derivati ha continuato la sua corsa; solo nel 2010 è cresciuto di un bel +24%. Se stimiamo in un terzo il peso dei derivati nell’intero attivo della banca, capiamo quanto è importante la fluttuazione dell’indice Libor.

Dopo lo scoppio dello scandalo i cui effetti sono ancora da scoprire per intero, l’opzione della BBA (British Bankers Association) è creare un nuovo Benchmark di riferimento per i nuovi contratti, continuando ad usare il Libor per gli attuali. L’inchiesta sulla manipolazione dei tassi d’interesse prosegue da mesi e ha anche un filone europeo perché le autorità di vigilanza europee hanno forti sospetti che tra i tassi manipolati dal cartello di banche ci sia stato anche l’Euribor su cui sono basati i tassi dei mutui italiani.

Tornando al calcio, l’arbitro di quella partita Italia-Corea del Sud, fu condannato il 23 settembre 2011 a 2 anni e 6 mesi di carcere perchè tentò di entrare a New York con circa 6 kg. di cocaina. Non che abbia una qualche valenza ai fini sportivi, però un qualche dubbio sull’uomo, noi italiani, l’avevamo avanzato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.