Mercati obbligazionari

salvadenaio-porcellinoNella passata settimana la Bce ha sorpreso buona parte della comunità degli investitori dimezzando i tassi allo 0,25%, nuovo minimo storico; il tasso sui prestiti overnight scenderà dall’attuale 1% allo 0,75%; confermato a zero il tasso sui depositi presso la BCE. Nel suo discorso il Presidente della BCE ha sottolineato che la decisione sulla riduzione dei tassi di interesse è stata presa con una maggioranza significativa, le uniche divergenze di opinione sono state espresse unicamente in merito al timing in quanto alcuni membri chiedevano di intervenire il prossimo mese.

“Ci sorprende il declino dell’inflazione” ha dichiarato Draghi ribadendo che sull’economia europea incombe ancora un rischio al ribasso; ed ancora, Draghi ha affermato che la Bce ha deciso di continuare a mantenere operative almeno fino a metà 2015 le operazioni di rifinanziamento agevolate alle banche su prestiti a tre mesi.

La reazione del mercato all’annuncio si è tradotta in una generalizzata discesa dei tassi di mercato; le scadenze a 4-5 anni ne hanno tratto il maggior beneficio, si è inoltre assistito un movimento di “steepening” del tratto 2-10 anni evidenziato in particolare nelle emissioni di paesi meno virtuosi: su questo fronte il maggior “tightening” a cui abbiamo assistito riguarda il Portogallo dopo la revisione dell’outlook portato da negativo a stabile da parte dell’ agenzia di rating Moody’s.

                                                                                             

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.