Mercati: i 5 fattori da osservare per agganciare l’inversione di tendenza secondo Candriam

Nemmeno sui mercati può piovere per sempre. Quali analisi potrebbero, però, aiutarci a capire se il diluvio sta per cessare? Fuor di metafora, come capire quando la fase ribassista si sta avvicinando alla fine preannunciando l’inversione di tendenza?

A questa domanda, fondamentale per poter approfittare di un’eventuale ripresa delle valutazioni, ha provato a rispondere Nadège Dufossé, Cfa, Head of Asset Allocation presso Candriam.
Secondo Dufossé il sentiment degli investitori è già migliorato durante la scorsa settimana, segnalando che la fase “di depressione” potrebbe essersi già conclusa. A questo punto gli indicatori da seguire sarebbero almeno cinque secondo Candriam. Vediamo quali sono:

  • Indicatori collegati all’epidemia. “Stiamo seguendo il tasso di crescita nel numero di nuovi casi [di coronavirus], saremo rassicurati una volta accertato l’impatto positivo delle misure di contenimento”, ha scritto Dufossé, precisando che “le strategie dei governi per uscire dalle misure di isolamento sono ora ancora più importanti”, dello stesso andamento dei contagi.
  • Indicatori di rischio di mercato. “L’attuale mercato ribassista non dovrebbe trasformarsi in una crisi finanziaria globale”, ha scritto Dufossé, “le azioni delle banche centrali hanno mitigato con successo gli stress di liquidità e finanziari. Gli indicatori relativi alle questioni di finanziamento in USD o alla liquidità nel mercato dei Treasury USA, ad esempio, si stanno normalizzando”.
    Inoltre stanno calando gli indicatori di volatilità rappresentati dal Vix e dal dal V2x (che pur si mantengono su livelli elevati). “Questo è un segnale positivo, ma non ancora sufficiente. Quando gli indici di volatilità diminuiscono solitamente significa che il punto più basso della depressione è stato raggiunto”.
  • Indicatori di attività. “Proprio come per gli indicatori di rischio di mercato, per raggiungere il punto più basso gli investitori devono essere in grado di porre un limite al danno economico.
    Il ritmo della ripresa delle attività in Cina potrebbe fornire alcuni indizi utili a fare proiezioni per l’Europa e gli Stati Uniti”, ha scritto Dufossé precisando che per gli Stati Uniti continuerà pesare l’incertezza su quelle che saranno l’ampiezza e la durata delle politiche di isolamento.
  • Indicatori di risposta politica. “Stiamo seguendo le dimensioni del supporto fiscale e delle decisioni di politica monetaria e al momento questi sono i principali fattori di supporto che hanno permesso la scorsa settimana un rimbalzo del mercato”, ha affermato la Head of Asset Allocation di Candriam.
    “Riteniamo che le risposte dei governi e delle banche centrali siano, per il momento, proattive e sufficienti, per mitigare l’impatto economico. Il sostegno fiscale globale supera il 2,5% del Pil globale”.
  • Indicatori di valutazione. L’ultimo aspetto da seguire è la valutazione di prezzo sui titoli azionari: esse “non sono mai un fattore scatenante per un rimbalzo, ma dovrebbero essere basse abbastanza da avere incorporato gran parte delle cattive notizie”. Secondo Dufossé queste valutazioni avrebbero raggiunto il fondo in Europa (con un rapporto prezzi/utili intorno al 10).
    “Nei mercati del reddito fisso, gli spread sugli High Yield negli Stati Uniti hanno implicitamente integrato un tasso di default dell’8-9%. Anche il premio per il rischio sulle azioni è tornato ai livelli del 2008 negli Stati Uniti e in Europa a causa del calo delle valutazioni e del basso livello dei rendimenti. La scorsa settimana gli indicatori di valutazione indicavano un interessante rischio-rendimento”, ha concluso Dufossé.
  • Indicatori di valutazione. L’ultimo aspetto da seguire è la valutazione di prezzo sui titoli azionari: esse “non sono mai un fattore scatenante per un rimbalzo, ma dovrebbero essere basse abbastanza da avere incorporato gran parte delle cattive notizie”. Secondo Dufossé queste valutazioni avrebbero raggiunto il fondo in Europa (con un rapporto prezzi/utili intorno al 10). “Nei mercati del reddito fisso, gli spread sugli High Yield negli Stati Uniti hanno implicitamente integrato un tasso di default dell’8-9%.
    Anche il premio per il rischio sulle azioni è tornato ai livelli del 2008 negli Stati Uniti e in Europa a causa del calo delle valutazioni e del basso livello dei rendimenti. La scorsa settimana gli indicatori di valutazione indicavano un interessante rischio-rendimento”, ha concluso Dufossé.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.