Commodities

 Le materie prime hanno registrato un significativo rimbalzo nell’ultima settimana, guidate dal petrolio e dall’oro sulla scia del flusso di notizie coerente  con  la  formazione  di  un  premio  per  il  rischio  politico  e  del meeting  della  Fed  considerato  meno  “hawkish”  del  previsto;  le commodities agricole si sono stabilizzate mentre le prese di profitto continuano sui metalli industriali.

In particolare, il petrolio ha continuano a recuperare terreno, accelerando al  rialzo  e  tornando ai  massimi di  gennaio, con  il  WTI  oltre  quota  65 US$/barile ed il Brent oltre 70 US$/barile, e la backwardation (inclinazione negativa)   delle   curve   dei   futures   si   è   accentuata.   Gran   parte   del movimento è dovuto alla formazione di un premio per il rischio geopolitico dopo  che  la  rimozione  in  rapida  successione  del  Segretario  di  Stato Tillerson e del consigliere per la sicurezza nazionale McMaster e la loro sostituzione rispettivamente con Pompeo e Bolton, considerati due “falchi” in politica estera, crea rischi che l’accordo sul nucleare con l’Iran possa essere rinnegato dagli USA nella prossima revisione trimestrale a maggio. Sul fronte dei fondamentali, inoltre, nell’ultimo comitato di monitoraggio l’OPEC sembra orientato ad utilizzare come target della sua politica petrolifera il livello medio delle scorte negli ultimi 7 anni (rispetto ai 5 anni finora indicato), che rafforzerebbe le prospettive di prolungamento dei tagli alla produzione. Infine i report settimanali USA sono stati neutrali per il mercato, con l’aumento della produzione e degli impianti di trivellazione attivi compensati dal calo delle scorte.

Il meeting della Fed meno “hawkish” del previsto e la formazione di un premio per il rischio di turbolenza nella politica estera e commerciale USA e di guerra commerciale con la Cina hanno ridestato l’oro, che si sta avvicinando  al  livello  tecnico  di  importante  resistenza  in  area  1377 US$/oncia. I dati PMI preliminari deboli nei Paesi Sviluppati rafforzano invece l’idea di perdita di momentum dell’economia globale, pensando sui metalli industriali.

Commenti

Commenti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.