Commento sulle commodities

imagesCAMD5897 Settimana positiva per le quotazioni petrolifere. Il WTI ha beneficiato dell’ondata di freddo che sta colpendo gli Stati Uniti e dell’apertura della parte meridionale dell’oleodotto di Keystone XL che dovrebbe alleggerire il surplus presente nel distretto di Cushing. In crescita anche il Brent che è stato sostenuto dalle tensioni scoppiate in Egitto.

Il report settimanale del DOE ha evidenziato una crescita delle scorte di greggio di 0.99 milioni di barili al giorno, mentre sono calate nettamente le scorte di distillati (-3.2 milioni di barili contro attese di -0.5 milioni) a causa delle basse temperature negli Stati Uniti. Il clima rigido ha favorito la forte crescita del gas naturale che ha superato i 5$. In netto calo i metalli industriali che hanno risentito della generale debolezza dei mercati dell’ultima settimana e dei deludenti dati sul PMI manifatturiero cinese.

Il clima di incertezza e la debolezza del dollaro hanno favorito un rimbalzo dell’oro che venerdì ha superato i 1279$ per poi ritracciare sui 1260$. La view di medio periodo sul metallo giallo rimane comunque negativa. Andamento positivo per le materie agricole. La performance migliore è stata fatta registrare dal mais, influenzato positivamente dai buoni dati sulle esportazioni USA. In crescita anche il grano, che è stato supportato dai timori di un danneggiamento dei raccolti provocato dall’ondata di gelo che ha colpito il Nord America.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.