BlackRock: azioni sempre preferite ai bond


Alleggerimento dell’esposizione al rischio a seguito dello shock al rialzo dei prezzi delle commodity, del deterioramento della crescita in Cina e dell’ardua sfida che stanno affrontando le banche centrali. Upgrade dei titoli di Stato europei e del credito Investment Grade a neutrale, in vista di opportunità tattiche. Downgrade invece per gli asset cinesi a neutrali per le preoccupazioni geopolitiche e il peggioramento dell’outlook macro. In generale resta comunque il sovrappeso sull’azionario, con una preferenza per le Borse americana e giapponese, e sottopeso invece per i Treasury USA.

L’INFLAZIONE RESTERA’ SOPRA I LIVELLI PRE-COVID


Sono le indicazioni conclusive del commento settimanale di mercato del BlackRock Investment Institute titolato appunto “Ribilanciamento per ridurre il rischio”. BlackRock sottolinea il rialzo di mezzo punto deciso dalla Fed, che ha segnalato mosse simili in arrivo, facendo balzare i rendimenti a lungo termine e causando turbolenze sull’azionario. Ora gli occhi degli investitori sono puntati sui dati USA sull’inflazione, che secondo BlackRock è destinata ad assestarsi comunque a livelli pre-Covid.

OPPORTUNITA’ IN EUROPA, PIU’ RISCHIO IN CINA


Lo shock dei prezzi delle commodity e il rallentamento cinese sono le principali ragioni addotte per il ribilanciamento del rischio da parte di BlackRock, che vede poche probabilità per l’avverarsi di uno scenario perfetto di bassa inflazione e proseguimento della crescita. Le recenti turbolenze di mercato mostrano che gli investitori si stanno adattando a questa realtà. L’upgrade dei bond Investment Grade e dei titoli di Stato europei a neutrali è motivato dall’individuazione di opportunità, mentre sono considerati ora più rischiosi gli asset cinesi e il reddito fisso asiatico.

SACCHE DI VALORE NEI BOND


In tempi di inflazione di solito i bond sono poco attraenti. BlackRock mantiene il suo sottopeso ma ritiene che il sell-off abbia fatto emergere sacche di valore, come nei titoli di Stato europei, perché le attese sulle mosse della Bce sono troppo restrittive. BlackRock vede anche nei bond un cuscinetto rispetto all’azionario, dopo aver declassato quello europeo a marzo, e valore anche nel credito Investment Grade i cui rendimenti si avvicinano al 4%. Ma la grande casa resta sottopesata sui Treasury USA nella previsione di un ulteriore irripidimento della curva.

SCELTA DIFFICILE PER LE BANCHE CENTRALI


La guerra in Ucraina, lo shock energetico e l’aggressività della Fed hanno ridisegnato lo scenario globale dei mercati. Ora Fed e le altre banche centrali fronteggiano una scelta difficile: far rientrare l’inflazione può imporre di alzare i tassi al punto da compromettere crescita e occupazione. BlackRock crede che alla fine la Fed non alzerà i tassi oltre il livello di neutralità, implicando che bisognerà convivere con un’inflazione che si assesterà a livelli superiori a quelli pre-Covid. Di qui il mantenimento della preferenza per l’azionario rispetto al reddito fisso.

DIFFICILE VEDERE UNO SCENARIO PERFETTO


Ma i rischi sono comunque aumentati, lo shock dei prezzi delle commodity è destinato a incidere sulla crescita soprattutto in Europa e nei Mercati Emergenti, mentre la Fed potrebbe esagerare. E’ difficile vedere in arrivo uno scenario perfetto. Come ha ammonito Bank of England, un’inflazione a livelli superiori a quelli pre-Covid può voler dire recessione, mentre l’outlook della Cina si sta deteriorando, per cui BlackRock ha abbassato a neutrale la valutazione di azioni e bond della seconda economia del pianeta rispetto al precedente leggero sovrappeso.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.