Conduttori ubriachi la mattina

ubriacoQualche volta ascolto la radio la mattina, se sono normale ascolto cazzeggio, se mi voglio far del male, programmi di informazione, se malissimo, informazione economica e finanziaria.

Il più delle volte a queste ultime partecipano industriali (pochi), artigiani (quasi mai), sindacalisti (alcuni), responsabili di associazioni (moltissimi). E qui penso che i conduttori siano un po’ sbronzi.Se si parla di lavoro e di futuro del mondo del lavoro, si dovrebbero avere molti che lavorano e danno lavoro. Da noi fare il responsabile di categoria è una nomina normalmente politica e un lavoro a tempo pieno. Qualche volta sono mestieri di famiglia, ci sono rampolli che sono passati da rappresentanze industriali a quelle sportive. Bravi tuttologi che però poi nessuno ci invidia, o almeno cerca di portarci via. Ci sono ex segretari di Confindustria che dopo aver ululato alla luna della privatizzazione, si sono accomodati in posti pubblici e non si sono più mossi.

Ma torniamo al LAVORO, che poi è il vero problema. In queste trasmissioni si parla di come abbassare il costo del lavoro o di come si possano creare condizioni migliori per la crescita e quindi abbassamento della tassazione. Se questi alterati alcolici parlassero con le industrie, grandi e piccole, scoprirebbero che le industrie hanno potenzialità produttive del 30% maggiore di quanto stanno facendo, il che vuol dire che stanno producendo ad alti costi, ma non per costo del lavoro, ma per costo di struttura.

Il problema è che non c’è Lavoro, perché non siamo competitivi, come sistema. Basta guardarsi intorno e cercare di capire perché paesi ad altissimo costo del lavoro (Germania, Svezia, Danimarca, Svizzera,ecc..) riescano a fare industria e commercio non solo con prodotti ad alto contenuto tecnologico, ma anche con prodotti di tutti i giorni.

Chiediamoci perché fummo i primi a “inventare” le cucine componibili e invademmo il mondo, ma poi ci fermammo, mentre Ikea, sulla stessa idea, allargata a tutta la casa, sta riempiendo tutte le case. Cerchiamo di capire perché Lidl apre negozi in tutt’Europa e le nostre reti cooperative soffrono la sua concorrenza.

Ci vogliono idee, poi infrastrutture e alla fine regole e costi. Se partiamo dalla coda (pensioni e art.18) non andiamo da nessuna parte.

Se non ci decidiamo a capire come muovere le merci (acqua, rotaia, gomma), se non mettiamo un limite a chi chiedere cosa per aprire un’iniziativa, se rimaniamo la patria del pizzo e dell’evasione, se non potenziamo le grandi aziende e le mettiamo in grado di competere nel mondo, se non incentiviamo le idee, le competenze, la scuola, siamo morti e ascolteremo soggetti sbronzi ad alto costo unitario, che parlano, parlano, ma poi passano all’incasso, senza mai perdere il posto.

Nessuno disinveste su di loro. Peccato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.