Concorso per presidi: pagliacciata ultimo atto

E’ peggio di Beautiful. Lo script fa schifo, gli attori… dei cani, sulla regista stendiamo un velo pietoso. E non solo non prenderemo l’Oscar, ma l’ultima scena, come attore principale avrà un giudice. Sì, la selezione per dirigenti scolastici finisce in tribunale. Lo dice l’ANIEF che, dopo aver contestato il “libro rosso” (ironia berlusconiana) del sapere totale, per le 900 domande “escluse” dagli estensori, pagati, ora contesta anche le 100 selezionate. Perché a suo dire “…. di queste 100, 38 sarebbero sbagliate : nella risposta 4 , altre 18 prevederebbero più risposte esatte rispetto a quelle indicate, e 16 sarebbero mal formulate e fuorvianti.E ora,dopo la correzione che aveva selezionato circa il 25 % dei partecipanti, oplà, tutti (ci potete scommettere) parteciperanno all’esame vero e proprio (2 scritti e un orale), ammessi con riserva. E quindi tutta la preselezione, costi inclusi, verrà rottamata. Non potevano mica lasciare al PD una trovata del genere! E i costi del concorso saranno quintuplicati, con relativi strascichi sui risultati. Tutti contesteranno tutto, gli avvocati ingrasseranno, e magari tra dieci anni qualcuno in pensione sarà “nominato” preside ad memoriam e riceverà un pingue indennizzo.Vi ho cominciato a raccontare questa avventura prima con indignazione, ora, in questa puntata, sono sconfortato. Tutti i giorni che Dio manda in terra, qualche stupido ne combina una delle sue e l’Italia, gli italiani, la gente per bene va sott’acqua e nessuno, MAI, paga il conto, quello lo lasciano sempre solo a noi!Scusate, stavolta non ci provo neppure ad essere spiritoso o caustico. Guardate in faccia il primo ragazzo che vedete, pensate al suo futuro : decidetevi e urlate: BASTA!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.