Se i Cinesi fanno la rivolta per l’iPhone

cina-appleAlla fine Apple è arrivata al punto di bloccare temporaneamente le vendite dell’iPhone 4S negli store di Pechino e Shanghai, a causa dei disordini e delle violenze avvenute tra la polizia e le persone assatanate in fila fuori dai negozi. Effetti della globalizzazione, si potrebbe dire. Alle risse per i saldi noi eravamo arrivati da tempo. L’evento, personalmente, mi conferma riflessioni già maturate.

In primis che il cervello umano è ancora qualcosa di estremamentepoco evoluto; sì, è vero, essendo gli ultimi ad apparire sulla faccia della terra ci siamo dovuti dare una mossa, abbiamo triplicato la massa cerebrale in un batter d’occhio geologico, recuperato persino sui volatili spostandoci nell’aria molto più rapidamente, costruito grattacieli, bombe atomiche, ma tuttora basta un gingillino che ci stuzzica la fantasia ed ecco che ci comportiamo come il meno evoluto branco di scimpanzé.

In secondo luogo, la globalizzazione prova che questa stupidità di fondo è propria della natura umana. I paesi occidentali cosa vogliono nella vita? La borsa di Gucci e la scarpa di Prada. I paesi ex comunisti come Russia e Cina appena hanno due soldi cosa vogliono? La borsa di Gucci e la scarpa di Prada. E via discorrendo. Il giorno in cui sfameremo l’Africa, anche quelli vorranno bere Moet Chandon e s’incazzeranno se non possono girare in Audi. E quand’anche i bisogni fossero soddisfatti per tutti, il driver del consumismo ossessivo resterebbe la competizione tra uomini. Un tempo bastava misurare chi ce l’aveva più lungo o chi faceva la pipì più lontano e la questione era risolta. Ora invece quante possibilità! Lo yacht più lungo, il cellulare più nuovo, il bracciale più costoso, il liquore più invecchiato, il sedile in pelle, il sigaro cubano arrotolato e pigiato con le chiappe, la poltrona in pelle umana..

Alla fine, quando vedo persino i cinesi che si menano con la polizia per un’iphone mi viene da pensare una sola cosa: che la stupidità della razza umana è tale per cui quand’anche i popoli si siano liberati dalla schiavitù della fame, dei regimi o della miseria, sceglieranno consapevolmente quella dei consumi, della divinazione dei marchi, della religione dello status. E questo è ciò che abbiamo scelto di chiamare progresso o democrazia.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.