Finanza mondiale, cospirazioni e alieni

alieno Non ci sono più punti di riferimento.Siamo dentro la più grande crisi finanziaria, o economica, o forse geopolitica, degli ultimi trent’ anni, o forse della storia, insomma anche qui non c’è accordo e se ne sentono di tutti i colori.

Teorie cospirazioniste, élites finanziarie che ci portano allo sfascio, oppure invece un semplice flusso di ricchezza tra occidente e oriente? Le banche sono buone o cattive? I presidenti “nominati” dalle élites finanziarie ci strozzano oppure sono lì per aiutarci a far quadrare i conti di noi che non siamo autosufficienti e tendiamo alla spesa?

Insomma, se la questione riguardasse solo il buon senso sarebbe anche semplice scindere bufale da realtà. Il problema è che non c’è accordo nemmeno fra i premi Nobel! Ci sono luminari dell’economia che portano avanti tesi opposte. Le fondamenta stesse dell’economia e i paradigmi principali sono posti in discussione.

E poi parliamoci chiaro, si parla di crisi mondiale, boh forse il sistema è talmente interrelato che un battito d’ali di farfalla in India procura uragani in America, ma se devo seguire il senso comune vedo che i miei amici brasiliani stanno tutti alla grande, sembra che là le cose vadano solo meglio. Quindi è un flusso di ricchezza che si sposta? Forse sì, la finanza c’entra poco, non è un complotto, ma solo che lavoriamo meno e peggio e siamo vecchi e in altre parti del mondo lavorano tanto, bene e per poco (talvolta quasi nulla). Insomma, prima morivano di fame solo in Africa, Asia, Sudamerica e noi non li vedevamo, ora qualcuno dovrà morire di fame qui dato che sempre più gente mangia là. Navigo a vista con ragionamenti elementari perché anche le menti dell’economia sono nel caos.

Tutto il mondo è nel caos. Pensate al riscaldamento globale. Riscaldamento? Poi ci sono inverni che ci gelano le chiappe come ricordava su questo blog Stefano Virgilli. Il clima ci sta distruggendo? Ecco quello sì che sarebbe un problema globale, pure per Cinesi, Brasiliani, Indiani ecc. Però anche qui non c’è accordo. Report che dicono che siamo condannati, per altri è tutto okay, chi dice che però alcuni sono finanziati dalle multinazionali del petrolio..

Nel nostro piccolo italiano, fra poco si va alle elezioni e nemmeno sappiamo i candidati e gli schieramenti. Ma questo è il meno, diciamocelo, l’Italia è sempre stata un casino, non possiamo certo aspettarci che sia la più ordinata della classe ora che è – per così dire – suonato l’allarme antincendio.

Ma insomma, il mondo è così caotico che persino il Primo Ministro russo Medvedev in un fuori onda dichiara che gli alieni sono tra noi, che Putin come presidente russo ha in mano un rapporto segreto che viene tramandato da successore a successore e che, dulcis in fundo, per comprendere bene il fenomeno alieno si può guardare il film di Hollywood, “Men In Black”.

Dunque, siccome l’affermazione è grave e la fa il presidente di una nazione importante, i casi sono due: o gli alieni sono davvero tra noi, e ci mancava solo questa, oppure appuriamo che esistono persone con seri problemi psichici a guida di interi paesi. In entrambi i casi il mondo non è messo granchè bene.

In questa baraonda, talvolta è così complesso addentrarci che preferiamo rinunciare a capire. E allora la morale quale può essere? Ad ognuno il suo, facciamo il nostro percorso individuale dando il massimo e speriamo che non ci crolli il mondo addosso.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.