Servi

 Questo mi sono sembrati i governanti europei dopo il bombardamento americano della base aerea siriana. Intanto sgombriamo le menti da equivoci. Chi mai può pensare che Assad, ormai stabile in sella, dopo aver fatto vera guerra all’Isis, avesse interesse a sganciare bombe non convenzionali su Homs, solo un minus habens lo avrebbe fatto. Quindi almeno il beneficio del dubbio (commissione di inchiesta MOLTO indipendente era d’obbligo). I nostri, con diverse sfumature, invece si sono schierati sulle posizione di chi aveva TUTTO l’interesse a che Assad cadesse: Paperino, che tutti sanno é pigro, mentitore e, se appena può, profittatore. Gli aggettivi si riferiscono al fumetto, ma vanno a pennello anche per Pennellone Trump. Eppure, nonostante pochi giorni prima avesse giubilato il suo consigliere militare e avesse “sposato” i generali (e vedremo quanto questo matrimonio gli costerà, ma soprattutto CI costerà) ecco di ciò nessuno si é curato. Anzi peggio: i nostri mezzi di informazione, abituati al nobile esercizio del leccaculismo, hanno tradotto dal tedesco in maniera adattata, infatti la Merkel ha detto che la posizione dell’America era comprensibile, ma i nostri hanno raccontato che era condivisibile. E scusate se é poco. Il massimo l’hanno dato gli ingesi, che hanno cancellato il volo del ministro degli esteri a Mosca. Forse, sotto sotto ci sono ancora loro con le famose armi di sterminio di massa da trovare o far trovare. La prima volta (Iraq) hanno dato il là all’invasione voluta da Bush junior, poi non si é trovato niente, si é armato un casino mediorientale in cui ci sono morti a centinaia di migliaia tra i “difesi” più qualche migliaia di occidentali (tra là e qui in Europa, si é generato Isis, con conseguente incasinamento generale dell’area, rinfocolando gli estremismi religiosi e acutizzando i problemi con le minoranze territoriali. Il tutto é costato una cifra monumentale, che se investita sul territorio, avrebbe fatto quelle popolazioni ricche come Creso e NON ci sarebbero stati i milioni di migranti che vediamo provenire da est. Tutto questo non ha insegnato niente a nessuno, perché molti sulla guerra ci guadagnano (e tanto) e la stragrande maggioranza (cittadini) sono così fessi da bersi tutte le balle che ci raccontano. Già, perché la storia delle armi chimiche é facile da capire. Sparaballe Trump, aveva cominciato a perdere colpi in casa sua, raffazzonava leggi (forse non a caso) che poi non passavano. I suoi elettori stavano diventando nervosi e quindi ci voleva un gesto eclatante che accontentasse loro e mettesse la mordacchia ai servi. E allora bombe su Assad, ma ci voleva qualcosa che lo giustificasse e oplà lo si é trovato, anche se non conveniva a nessuno (traane che a lui): ai bombardati, a chi lotta contro Isis e ad Assad medesimo. Se vi rileggete la storia europea degli anni trenta, troverete un altro ometto bombardatore ed invasore di nazioni e anche in quel caso troverete un benedicente inglese (Churchill) che diceva di approvare per ragion di stato, mentre invece lo faceva per dirigere Baffetto come pareva a lui (contro Baffone), poi andò diversamente, ma almeno gli inglesi non se lo dimenticarono e alle elezioni del ‘46 lo mandarono a casa. Lui la prese male, molto male e sparlò di tutti. Ecco, prima di fiondarvi su schieramenti pericolosi, ricordatevi dei romani (quelli di 2000 anni fa) che quando succedeva qualcosa la prima domnda che si ponevano era: cui prodest? A chi conviene? Magari non ci azzeccavano sempre, ma il più delle volte sì, con buona pace di quei merdoni eterodiretti che sono giornalisti di nome e leccanatiche di fatto. Poi pensatela come volete, anche che la luna é di formaggio, soprattutto se il formaggio NON vi piace.

Commenti

Commenti